Ciao Gaia, ci vediamo a scuola

Ciao Gaia,

oggi eravamo in tanti. C'era anche il Preside. Di solito quando c'è il Preside tira aria da rimprovero, ramanzina, qualche raccomandazione. Invece era venuto, assieme a tanti altri, per portarti il dolore, il pianto, gli abbracci di tutto il tuo liceo. Di quello che sarà sempre il tuo liceo. E tutti noi ti avremo sempre come sorella, amica, compagna, allieva e studentessa. Con tutti i ricordi di questi anni. Ti ricordi, in queste ultime settimane che lavoro, con le entrate scaglionate, la tua classe e tutte le classi divise, la mascherina da cambiare all'ingresso? E la fatica di venire per poche ore di lezione... Eppure, anche dall'ospedale, come mi raccontava tua mamma, una delle tue prime preoccupazioni è stata quella dei giorni di scuola persi.

Insomma, quanti ricordi; ognuno ne ha un'infinità. Da raccontarti e da descriverti. Ma i ricordi sono ciò che siamo, non ciò che abbiamo perduto.

Per questo ti diciamo: "Ci vediamo a scuola, Gaia": perché sei, e sarai, sempre con noi.

Pubblicata il 18 novembre 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.