Il Liceo Pertini entra nel cuore delle Istituzioni

Per le classi 3G e 4G, indirizzo economico-sociale, plesso Magenta, si è pensato a un viaggio d’istruzione che si discosta dalle solite, pur attraenti, tappe turistiche romane. L’itinerario scelto vuole portare gli studenti dell’economico-sociale nel cuore delle istituzioni del nostro Paese.

Il primo giorno si è svolta la visita informativa presso l’ISTAT. I relatori, dopo aver esposto la storia dell’ente e le sue funzioni, hanno raccontato i dati raccolti sul mondo giovanile, delineando il panorama dei loro gusti, abitudini e consumi, ma soffermandosi, in particolar modo, sulla formazione e sugli sbocchi professionali.

La giornata clou è stata quella di martedì 9 aprile. Al mattino la visita alla Corte dei Conti, ad accoglierci e ad introdurre le attività a cui assisteremo è il Presidente Calamaro in persona e assistiamo a due udienze. Successivamente è il Presidente Granelli ad offrirci un feedback sui processi a cui abbiamo assistito e illustra agli studenti le funzioni principali della Corte, corredando il discorso di riferimenti alla realtà storica anche recente del Paese, che hanno particolarmente interessato i ragazzi. Per finire, ci vengono mostrate le sontuose stanze presidenziali e veniamo accompagnati presso la biblioteca, per consultare e sfogliare alcuni manoscritti giuridici risalenti al XVI secolo.

La visita ci tiene impegnati per l’intera mattinata. I ragazzi appaiono molto soddisfatti ma…non c’è tempo da perdere! Giusto il tempo per tornare in albergo a cambiarci, perché nel pomeriggio ci attende l’evento più sentito: l’ingresso al Senato della Repubblica! Di certo è stata una grande emozione l’ingresso a Palazzo Madama, edificio storico di proprietà prima della famiglia Medici e successivamente dei Papi, dopo l’Unità d’Italia il Palazzo appartiene allo Stato italiano.

Sfortuna vuole che la seduta a cui avremmo dovuto assistere è stata sospesa, ma poco importa, perché la visita di carattere artistico ed istituzionale è ugualmente interessante. Quando entriamo nell’aula dove i Senatori svolgono le sedute, l’impatto emotivo è forte. Ci viene concesso di sederci…i posti sono personalizzati e nominativi; c’è chi è seduto sulla poltrona di Monti, chi su quella di Renzi o della Bonino e di tanti altri politici illustri.

 Il giorno dopo, il programma prevede una visita al Lago Sandro Pertini, chiamato anche Lago della Ex-Snia. L’intento è quello di mostrare ai ragazzi l’altra faccia della medaglia, il lato meno noto della Capitale, quello della periferia, in cui lo Stato non è sufficientemente presente ed al suo posto subentra il ruolo “bottom-up” dei cittadini, che risulta fondamentale nel salvaguardare la vita pubblica, partecipativa e solidale, a tutela dei diritti, dei servizi essenziali, degli spazi ecologici e di quelli di aggregazione.

La storia del Lago è qualcosa di straordinario, durante i lavori di costruzione di un centro commerciale a seguito di un illecito cambio nel piano regolatore, durante una notte di pioggia intensa, il lago è riemerso, riappropriandosi del proprio spazio vitale. Attualmente l’area è protetta da diversi comitati cittadini, che quotidianamente combattono per preservare quest’area verde, un miracolo… nella metropoli meravigliosa!

Questa storia magnifica ci è stata raccontata dalla signora Matilde, responsabile del Forum del Lago e da cantante Luca Mascini che ha condotto un esaltante laboratorio espressivo cadenzato dai ritmi della musica hip-hop, in cui tematiche sociali si intrecciano a quelle personali vissute dai nostri ragazzi.

Non possiamo che ringraziare tutte le persone che ci hanno dato fiducia a Genova, a partire dai ragazzi, dalle loro famiglie e dai colleghi che sono venuti con noi, e a tutti quelli che ci hanno supportato a Roma cercando di dimostrare con noi ai ragazzi che un mondo migliore è possibile e dobbiamo avere il coraggio di costruirlo tutti insieme.

(Francesca Grosso – Matteo Troìa)


Pubblicata il 28 aprile 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.