Il disco della settimana
Steve Hackett,  Spectral mornings, Charisma Records, 1979
 
Pubblicato nel 1979 quale terzo album solista (il secondo dopo l'uscita dai Genesis), Spectal mornings rappresenta uno dei momenti migliori della creatività musicale di Steve Hackett, confermata dal successivo Defector. Assieme ai brani prog più genuini trovano posto elementi orientaleggianti e distensivi momenti classici mediati dalla chitarra dell'autore. Le atmosfere sono molto profonde e penetranti, con sezioni ritmiche che sostengono in modo eccellente le tastiere e, ovviamente, le chitarre di Hackett. L'esempio più lampante è il brano che dà il titolo all'album; un bellilssimo esempio di Gibson Les Paul che troneggia su atmosfere magiche.
Per chi volesse ascoltare Steva Hackett l'appuntamento, anche con i 40 anni di Spctral mornings, è il prossimo 14 Luglio al Porto Antico.
 
 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.