Il disco della settimana

Renaissance, Renaissance, Island, 1969.

La storia dei Renaissance è strana ed è difficilmente comprensibile oggi. Il gruppo si costituisce nel 1969 da due ex membri degli Yardbirds (Keith Relf e Jim McCarty) e propone questo disco, poco conosciuto, che esce nello stesso anno. All'interno dei 5 brani si mescolano atmosfere rock, ballate inglesi di sapore folk e citazioni importati della musica classica. Così troviamo lunghe suite (Kings and QueensInnocence, Bullet)  all'insegna dell'allora nascente prog rock, che brillano, come le bellissime Island e Wanderer, per creatività e forse scarsa coerenza interna (con inserti che compaiono imprpovvisamente in modo oggi quasi incomprensibile; ascoltare sotto per credere). Tuttavia il disco è molto interessante, e non solo per queste contraddizioni. Qualcuno ha scritto che "Ascoltare i Renaissance è come correre leggeri su un lago immerso nel verde di una grande foresta durante il plenilunio, perchè la loro musica è come una magica ricerca tra il sacro e il profano, tra il classico e il rock". Bellissima la voce di Jane Relf. E un clavicembalo che sostiene una ballata rock (Wanderer) non è poi molto usuale....

Di lì a poco il gruppo si rinnoverà completamente nella formazione, proponendo altri dischi interessanti impreziositi dal vocalese di Annie Haslam. Keith Relf morirà tragicamente nel 1976. 

Buon ascolto!

Buon ascolto 2 (vale la pena, fidatevi)

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.